Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for marzo 2011


Dopo aver aderito al progetto, passano diversi giorni e squilla il telefono: una voce flebile, un po’ indecisa, femminile mi dice di aver ricevuto un foglio con alcuni numeri di telefono ai quali potersi rivolgere per un trattamento shiatsu. Mi racconta di aver scelto a “naso” , e di aver provato a chiamare. Con grande emozione ascolto queste poche parole, prendo l’agenda e segno l’appuntamento.
Nel giorno stabilito, puntuale suona il campanello. mi affaccio alla finestra e prima di tutto vedo un mazzo di fiori e poi dietro una signora circa sulla sessantina che si aiuta con un bastone! Le vado incontro e subito mi ringrazia per averla accolta e con una lacrima che scende sulle guance aggiunge che è stato difficile affrontare quanto è accaduto con l’alluvione e che solo adesso ne sente le conseguenze.
Una volta entrate a casa, inebriata dai fiori di calicanto che mi ha regalato, facciamo due chiacchiere rispetto al suo stato di salute fisico ed emotivo e vista la difficoltà di muovere soprattutto una gamba, decido di fare un trattamento in posizione seduta. Durante il colloquio ho sentito davvero la sofferenza e la rabbia accumulata dalla signora rispetto a quanto accaduto, ma anche la riconoscenza verso tutte le persone che hanno dimostrato solidarietà e generosità in quei giorni difficili.
Alla fine del trattamento, G. sembra essere più distesa, più calma, lei stessa mi dice di essersi rilassata come da tanto non riusciva a fare e che era la prima volta che qualcuno la trattava. Aggiunge poi di esser stata molto contenta di esser

si dedicata questa ora di pausa con se stessa e mi chiede se può tornare. Con grande gioia da parte mia le rispondo che assolutamente può tornare, chiedendole di raccontare anche alle persone che conosce questa sua esperienza.
L’incontro con questa persona  è davvero stato magico, sia per l’intesa immediata sia per gli interessi che abbiamo scoperto in comune. G. da quel giorno non mi ha più richiamato, ma mi auguro che stia bene e che questo nostro breve ma intenso contatto le abbia donato anche solo per poche ore sostegno e serenità.
Grazie G.

Paola Andreatta

Read Full Post »